Platone – Amore è poesia e parto

«Socrate – mi domandò Diotima – come mai, se tutti e sempre non fanno altro che desiderare le stesse cose, non di tutti diciamo che amano, ma di alcuni diciamo che amano e di altri no?». «Me ne stupisco anch'io». «Suvvia, non ti stupire! – disse lei. – Avendo prediletto una particolare forma di amore,… Continue reading Platone – Amore è poesia e parto

Corbin – Le Forme immaginali

Nella topografia immaginale i «luoghi» dell'essere si scaglionano in una serie di universi che alla fine terminano tutti in scala discendente sulla nostra Terra terrestre. Questa nostra Terra è, dunque, come la «tomba» a cui essi sono stati affidati. È da questa «tomba» che essi devono riemergere e risuscitare. Tale resurrezione però non è concepibile… Continue reading Corbin – Le Forme immaginali

Laing – La paura di non essere visti

In nota al caso del bambino che gioca col rocchetto, Freud aggiunge una cosa importante: che durante il lungo periodo di solitudine il bambino aveva trovato il modo di far sparire se stesso; aveva infatti scoperto il suo riflesso in un grande specchio, che però non arrivava fino al pavimento, così che, accucciandosi per terra,… Continue reading Laing – La paura di non essere visti

Tsao Hsueh-chin – Lo specchio di Vento-e-Luna

… in un anno le sofferenze di Kia Yui si aggravarono. L'immagine dell'inaccessibile signora Fenice guastava i suoi giorni; gli incubi e l'insonnia, le sue notti.  Un giorno un mendicante taoista chiedeva l'elemosina per la strada, proclamando di saper curare le infermità dell'anima. Kia Yui lo fece chiamare. Il mendicante gli disse: «Con le medicine… Continue reading Tsao Hsueh-chin – Lo specchio di Vento-e-Luna

Baudrillard – La nudità seconda

Qualsiasi corpo o parte può servire funzionalmente allo stesso modo, purché sia assoggettato alla medesima disciplina erotica: è necessario e sufficiente che sia il più chiuso, il più liscio possibile, senza pecche, senza orifizi, senza «difetti», qualsiasi differenza erogena essendo scongiurata dalla barra strutturale che designa questo corpo (nel duplice senso della designazione e del… Continue reading Baudrillard – La nudità seconda

Corbin – L’Imago Templi

In epigrafe a uno dei suoi libri più toccanti, Il giuramento di Kolvillág, lo scrittore ebreo contemporaneo Elia Wiesel ha posto queste parole prese dal Talmud: «Se i popoli e le nazioni avessero saputo quanto male si facevano distruggendo il Tempio di Gerusalemme, avrebbero pianto più dei figli di Israele». Mentre stavo ancora meditando le… Continue reading Corbin – L’Imago Templi