Zhuang-zi – Il guscio della tartaruga sacra

Una notte, il principe dei Song vide in sogno un uomo dai capelli sciolti, che guardava da una porta laterale e gli diceva: «Vengo dall'abisso di Zai-lu. Il genio del Fiume Puro mi ha mandato verso quello del Fiume Giallo. Per strada sono stato preso dal pescatore Yu Jie». Al suo risveglio, il principe Yuan… Continua a leggere Zhuang-zi – Il guscio della tartaruga sacra

Borges – Venticinque agosto 1983

Sull'orologio della stazioncina vidi che erano le undici di sera passate. Tornai in albergo a piedi. Sentii, come altre volte, la rassegnazione e il sollievo che ci infondono i luoghi meno noti. L'ampio portone era aperto; la villa, al buio. Entrai nell'atrio, dove specchi pallidi replicavano le piante della sala. Stranamente il padrone non mi… Continua a leggere Borges – Venticinque agosto 1983

Rohde – La psiche nella concezione omerica

Ma che segue? Che accade, quando la vita fugge per sempre dal corpo esanime? È strano che qualcuno abbia potuto affermare recentemente che, in qualche stadio della poesia omerica, apparirebbe la credenza che la morte ponga fine a tutto e che nulla le sopravvivrebbe. Nessuna affermazione nei due poemi omerici (anche nelle parti che si… Continua a leggere Rohde – La psiche nella concezione omerica

Nietzsche – L’artista ingenuo e il desiderio d’apparenza

Intorno a questo artista ingenuo qualche informazione ci è data dall'analogia del sogno. Se ci raffiguriamo colui che sogna come chi, in mezzo all'illusione del mondo onirico e senza turbarla, dice a sé: «È un sogno, voglio continuare a sognarlo», se dobbiamo quindi dedurre un profondo, intimo piacere nella visione del sogno, se d'altra parte,… Continua a leggere Nietzsche – L’artista ingenuo e il desiderio d’apparenza

Schopenhauer – Il sogno e la vita reale

Noi abbiamo sogni; non è forse tutta la vita un sogno? – o più precisamente: non c'è un criterio sicuro per distinguere sogno e realtà, fantasmi ed oggetti reali? – Appigliarsi alla minor vivacità e chiarezza del sogno nei confronti dell'intuizione reale, è argomento che non merita neanche d'essere preso in considerazione, perché nessuno finora… Continua a leggere Schopenhauer – Il sogno e la vita reale

Lacan – Il Fantasma Inconscio

VALABREGA: – … e poi, in ultima analisi, c'è il desiderio di dormire, che è uno dei significati ultimi del sogno. Di conseguenza, [in un sogno c'è] realizzazione del desiderio da una parte, e desiderio di dormire dall'altra […] l'interpretazione del desiderio di dormire come desiderio narcisistico va appunto in questo senso. Ci sono due… Continua a leggere Lacan – Il Fantasma Inconscio

Borges – Le rovine circolari

And if he left off dreaming about you... Through the Looking-Glass, IV Nessuno lo vide sbarcare nella notte unanime, nessuno vide la canoa di bambù incagliarsi nel fango sacro; ma pochi giorni dopo, nessuno ignorava che l'uomo taciturno veniva dal Sud e che la sua patria era uno degli infiniti villaggi che sono a monte… Continua a leggere Borges – Le rovine circolari

Lacan – Al di là dell’ego

Ripartiamo dal punto culminante del sogno esemplare dell'iniezione a Irma. La ricerca del sogno, proseguendo la ricerca della sera prima, arriva all'apertura, a quella bocca aperta al fondo della quale Freud vede l'immagine terrificante e composita che abbiamo paragonato alla rivelazione della testa di Medusa. L'esempio di questo sogno non è l'unico. Coloro che hanno… Continua a leggere Lacan – Al di là dell’ego

Lacan – Il «giunto» tra l’immaginario e il simbolico

Torniamo al sogno dell'iniezione a Irma. Credo di aver messo in luce il carattere drammatico della scoperta del senso del sogno che Freud fa tra il 1895 e il 1900, cioè negli anni in cui elabora la sua Interpretazione dei sogni. Quando parlo di questo carattere drammatico, vorrei citarvi a sostegno un passo di una… Continua a leggere Lacan – Il «giunto» tra l’immaginario e il simbolico

Lacan – La «folla» nel sogno di Irma

Freud prende Irma e inizia a rivolgerle rimproveri, invettive – È tutta colpa tua, se mi avessi ascoltato, sarebbe andata meglio. Inversamente Irma dice – Non puoi sapere come fa male qua e là, gola, ventre, stomaco. E poi dice che qualcosa la soffoca. Freud allora è abbastanza impressionato, e inizia a manifestare qualche inquietudine.… Continua a leggere Lacan – La «folla» nel sogno di Irma