Flaubert – I primi passi di sant’Antonio

Tutti mi biasimarono, quando lasciai la casa. Mia madre venne meno, come morisse; mia sorella, da lontano, mi faceva cenno di tornare; e Ammonaria, la fanciulla che incontravo ogni sera alla cisterna, dove conduceva i bufali, piangeva. M'inseguì correndo. Gli anelli dei suoi piedi brillavano nella polvere e la tunica aperta sui fianchi ondeggiava al… Continua a leggere Flaubert – I primi passi di sant’Antonio

Immagine e simulacro

Qualcuno ha detto che noi non immaginiamo più – che a dispetto del dilagare apparente dell'Immaginario, i nostri sono ormai i tempi del Simulacro. C'è della nostalgia, si sente che c'è del rimpianto in quell'«ormai». I bei tempi di una volta! ti ricordi? allora immaginavamo … Nostalgico o no, comunque ha detto che i mostri,… Continua a leggere Immagine e simulacro

La leggenda della Cicogna

Lo sapevo che andava a finire così. Non è che proprio lo sapevo, ma me l'immaginavo: non poteva finire che com'è finita. Non c'era niente di grandioso nell'impresa. Niente di epico, e ancor meno di eroico. Niente che potesse giustificare l'attesa di un Gran Finale. Perciò, eccomi qui ad arrancare tra le parole. Non importa.… Continua a leggere La leggenda della Cicogna