Zambrano – La distruzione della filosofia in Nietzsche

Il tempo che è trascorso ci si mostra ricco oltre misura di forme di pensiero inquietanti, ambigue: sono forme che oscillano entro i limiti delineati con estrema precisione in tappe anteriori della cultura occidentale. Sono ambigue in ogni loro aspetto e danno l'impressione di un'aurora, ma anche di un'agonia. Se durante i periodi di maturità… Continua a leggere Zambrano – La distruzione della filosofia in Nietzsche

Deleuze – Abitudine e ripetizione

È proprio noioso infilarsi sempre prima la camicia e poi i calzoni e di sera a letto e di mattina trascinarsi fuori di nuovo e mettere sempre un piede davanti all'altro; e non c'è assolutamente nessuna speranza che tutto ciò possa mai cambiare. Molto, molto triste, è che milioni l'hanno già fatto e che milioni… Continua a leggere Deleuze – Abitudine e ripetizione

Nietzsche – Gli animali e la morale

Le pratiche che vengono perseguite nella società più raffinata: cioè evitare accuratamente il ridicolo, lo stravagante, il pretenzioso; tener nascoste le proprie virtù come pure le bramosie più ardenti, mostrarsi equanime, inserirsi in un ordine, diminuirsi – tutto questo, in quanto costituisce la morale sociale, lo si può trovare grosso modo ovunque, perfino al livello… Continua a leggere Nietzsche – Gli animali e la morale

Nietzsche – La follia nella storia della moralità

… quasi ovunque è la follia che ha aperto la strada al nuovo pensiero, che ha infranto il potere di una venerabile consuetudine, e di una superstizione. Comprendete voi perché dovette essere la follia? Qualcosa nella voce e nei gesti, così raccapricciante e imprevedibile come gli estri demoniaci del tempo atmosferico e del mare, e… Continua a leggere Nietzsche – La follia nella storia della moralità