Ovidio – Le Eliadi e il cigno

Anche le Eliadi piansero e, vano tributo alla morte, versarono lacrime, e battendosi il petto con le mani, prosternate sul sepolcro, notte e giorno invocarono Fetonte, che udire più non poteva i loro tristi lamenti. Quattro volte, riunendo le punte della sua falce, era tornata piena la luna, e quelle come di consueto (la ripetizione… Continue reading Ovidio – Le Eliadi e il cigno

Santillana – La caduta di Fetonte

Il grande mito ufficiale sulla Galassia è la trasgressione di Fetonte e la conseguente ustione del cielo durante la sua folle corsa. Manilio racconta nel suo poema astrologico che: … questo era un dì il sentiero dove passava Febo; e che in lungo volger d'anni prese fuoco la rovente pista, le stelle ardendo. Mutò il… Continue reading Santillana – La caduta di Fetonte

Rabelais – Perché l’acqua del mare è salata

Narra a questo proposito il Filosofo, trattando la questione del perché l'acqua del mare è salata, che ai tempi in cui Febo confidò la guida del suo carro luciferico al figliol suo Fetonte, il detto Fetonte, non abbastanza pratico in quell'arte, e non sapendo seguire la linea eclittica fra i due tropici della sfera del… Continue reading Rabelais – Perché l’acqua del mare è salata

Euripide – Oh, se un dio, datemi le ali

Oh, se un dio, datemi le ali, agli uccelli che sciamano in cielo mi rendesse compagna! Sui flutti mi leverei del mare salato, verso le coste dell'Adriatico, alla volta del vortice di Eridano, ove le figlie di Elio piangono Fetonte: scorrono le lacrime delle fanciulle al mare e in ambra di luce si condensano. Fino… Continue reading Euripide – Oh, se un dio, datemi le ali

Platone – Solone in Egitto

C'è in Egitto – disse Crizia – nel Delta, al cui vertice si divide il corso del Nilo, una provincia detta Saitica, la cui più grande città è Sais, di cui era originario anche il re Amasi. Secondo gli abitanti, l'origine della città si deve a una dea, che nella lingua egizia è chiamata Neith,… Continue reading Platone – Solone in Egitto

Santillana – Il gurges mirabilis

Tre volte il fé girar con tutte l'acque; a la quarta levar la poppa in suso e la prora ire in giù, com'altrui piacque, infin che 'l mar fu sovra noi richiuso (Dante, Inferno, 26: 139-142) Dante si è attenuto alla tradizione del gorgo come fine significativa per i grandi personaggi, anche se qui esso… Continue reading Santillana – Il gurges mirabilis