Rella – Il corpo di Narciso e l’ora del risveglio

Narciso, raccontano, è morto per amore di sé. Ma la sua morte è preceduta da una scoperta sconvolgente in cui l'amore, che nei racconti tiene di solito il primo posto, ha un ruolo di pura spinta iniziale. Infatti Narciso muore per essersi conosciuto, vale a dire dopo aver scoperto nella sua immagine la corporeità e… Continue reading Rella – Il corpo di Narciso e l’ora del risveglio

Zhuang-zi – La conoscenza che consiste nel non conoscere

Grande Purezza Celeste chiese a Infinito: «Conoscete il Tao?». «Non lo conosco», disse Infinito. E Grande Purezza Celeste chiese allora a Non-Fare (wu wei): «Conoscete il Tao?». «Lo conosco», disse Non-Fare. «Il Tao, secondo la vostra conoscenza, può essere qualificato?», chiese Grande Purezza Celeste. «Può esserlo», disse Non-Fare. «Come può essere qualificato?», chiese Grande Purezza… Continue reading Zhuang-zi – La conoscenza che consiste nel non conoscere

Nietzsche – Il motto aureo

All'uomo sono state poste molte catene, affinché egli disimpari a comportarsi come un animale: e veramente egli è divenuto più mite, spirituale, gioioso e assennato di tutti gli animali. Ma ora soffre ancora del fatto di aver portato per tanto tempo le catene, di aver mancato per tanto tempo di aria buona e di movimento… Continue reading Nietzsche – Il motto aureo

Hillman – Pan e le Ninfe

La coazione istintuale e l'immagine fantastica fanno parte dello stesso continuum, e la trasformazione della coazione non può prodursi mediante i soli sforzi della mente e della volontà. Esse non sono concepite nello stesso continuum come avviene per la pulsione archetipica e la sua immagine archetipica, che sono intrinsecamente connesse. Sotto questo riguardo il mito… Continue reading Hillman – Pan e le Ninfe

Non ero io a sognare, ma il re

… e già, i maghi e gli indovini, i Maestri di parola: «i cialtroni della Casa dei Libri». È così che li chiama Faraone. Li chiama Faraone, o qui è Thomas Mann che s'intrufola per dire la sua (da dietro le quinte)? Insomma: è il Personaggio (Faraone) al servizio dello Scriba (Thomas Mann), o non… Continue reading Non ero io a sognare, ma il re

Garcia Lorca – Nacchera

Nacchera. Nacchera. Nacchera. Scarabeo sonoro. Nel ragno della mano arricci il vento caldo, e affoghi il tuo trillo di legno. Nacchera. Nacchera. Nacchera. Scarabeo sonoro. (Garcia Lorca) *** Tutto ciò che è «cavo» è nacchera. A questo ci porta l'etimologia (dall'arabo nakâra, «scavare, incavare»). Ci porta di fronte alla domanda: è «nacchera» una qualunque cavità,… Continue reading Garcia Lorca – Nacchera

Freud dice una santa cosa

Scusa, ma se a Inanna strapparono tutte le vesti quando scese all'inferno, perché i demoni dovrebbero fare uno sconto a Rousseau? – dico Rousseau, solo perché è l'ultimo «anacoreta» che ci è capitato sotto mano. L'ultimo di una lista di Solitari, Eremiti, e dunque Narcisi – che «si disgiungono» dalla Gente, dal conformismo della Chiacchiera,… Continue reading Freud dice una santa cosa