Del sopore e della sonnolenza

Ecco, a questo punto, uno scrittore non avrebbe che da scrivere una Dottrina della Stanchezza! Un manuale che, se non insegni, quantomeno incoraggi a giocare a chi si stanca per primo a ripetere a pappagallo un sentito-dire. A chi è così sorprendentemente «umano» da lasciarsi andare a riconoscere il fallimento della [presunta] verità «buona per… Continua a leggere Del sopore e della sonnolenza

Cacciari – A volte si danno occasioni

Alla Porta Aperta giunge anche il K. del Castello [cfr. cap.18: l'incontro di K. con Bürgel]. Pure alla Locanda le porte non si possono chiudere: «le porte dei segretari devono rimanere sempre aperte». In ogni momento può penetrare la «parte», il contendente, l'ersuchender Mensch. E il segretario, soprattutto la notte, è esposto alla sua preghiera,… Continua a leggere Cacciari – A volte si danno occasioni

Coomaraswamy – Le rupi cozzanti

La diffusione del motivo degli «Scogli Cozzanti» è un segno della sua antichità preistorica, e autorizza a far risalire la complessa struttura dell'Urmythos della Cerca a un'epoca perlomeno precedente il popolamento dell'America. I segni e i simboli della Cerca della Vita che tanto spesso sopravvivono nella tradizione orale, anche molto tempo dopo essere stati razionalizzati… Continua a leggere Coomaraswamy – Le rupi cozzanti

Kafka – Davanti alla Legge

Davanti alla Legge sta un usciere. A lui si rivolge un campagnolo e chiede di entrare nella Legge. Ma l'usciere dice che per il momento non gli può consentire l'accesso. L'uomo riflette, poi chiede se potrà entrare più tardi. «Forse – dice l'usciere – ma non ora». L'usciere si fa da parte; poiché la porta… Continua a leggere Kafka – Davanti alla Legge

La maschera di Perseo

Il latino «persona» potrebbe derivare dall'etrusco Phersu, forse imparentato col greco Perseo e, più alla lontana, con Persefone (che potrebbe dunque voler significare qualcosa come la «maschera parlante»). Phersu compare su due affreschi della tomba degli auguri a Tarquinia (530 a. C.). Su un muro della camera mortuaria compaiono due personaggi che si affrontano: uno… Continua a leggere La maschera di Perseo

Santillana – Il padre di Amleto

Il padre dell'Amlethus di Saxo era Horvendillus, scritto anche Orendel, Erentel, Earendel, Örvandill, Aurvandil, che l'appendice allo Heldenbuch dichiara essere il primo di tutti gli eroi che mai furono nati. I pochi dati che di lui si conoscono sono così riassunti da Jacob Grimm: «Durante un viaggio fa naufragio, trova rifugio presso un mastro pescatore… Continua a leggere Santillana – Il padre di Amleto

La maschera dello sciamano

Gli abiti di scena, le maschere e i copricapi, che lo sciamano indossava nel corso della cerimonia che doveva condurlo alla trance estatica erano ricavati, ancora in età recente, dalla corteccia di betulla. Cumandini, Teleuti e Sciori, popolazioni siberiane, avevano addirittura nel loro pantheon un «Signore della maschera», Qocia Qan, il cui nome è composto… Continua a leggere La maschera dello sciamano

Coomaraswamy – La coda pagata in pegno

Se ci viene narrato perché la Lepre non ha la coda, l'indagine ci mostrerà che il motivo delle Simplegadi, con ciò che viene spiegato, spiega troppo. Spiega anche come la buona nave Argo perse l'ornamento di poppa, come l'estremità della canoa di Giviok fu schiacciata, e come a un eroe celtico la Porta Attiva di… Continua a leggere Coomaraswamy – La coda pagata in pegno

I fratelli siberiani

In Siberia si narra di Qocia Qan, un uomo impudico che, a causa della sua smodatezza sessuale, fu scagliato sopra le nuvole per essere relegato nel settimo cielo. È detto inoltre che egli era il secondo dei tre fratelli nati dalla figlia del dio Ülgän, e dunque uno dei suoi tre «nipoti». Alla maschera di… Continua a leggere I fratelli siberiani

Coomaraswamy – Le Canne Taglienti

Le Canne Taglienti sono ovviamente solo una delle tante forme di Porta Attiva, il cui passaggio è così pericoloso […] In un testo indiano (Suparnâdhyâya, 24: 2-3) è detto che l'eroe deve attraversare «due instancabili, vigili folgori taglienti come rasoi, che colpiscono da ogni lato», e si domanda: «Come fece il Falco (Garuda, l'Aquila, il… Continua a leggere Coomaraswamy – Le Canne Taglienti