Colli – Il contatto metafisico

A designare l'immediatezza, con un'intenzione soltanto allusiva, può servire il termine «contatto». Il suggerimento viene dalla generica prospettiva della conoscenza come relazione tra soggetto e oggetto. Contatto sarà qualcosa dove soggetto e oggetto non si distinguono, e più precisamente, ciò di cui un'espressione primitiva è espressione [cfr. Mastro Eckhart: ciò di cui l'immagine originaria è… Continue reading Colli – Il contatto metafisico

Deleuze – Il lampo e il cielo buio

L'indifferenza ha due aspetti: l'abisso indifferenziato, il nero niente, l'animale indeterminato in cui tutto è dissolto; e insieme il bianco niente, la superficie ridivenuta calma in cui fluttuano determinazioni slegate, come membra sparse, teste decollate, braccia prive di spalla, occhi senza fronte. L'indeterminato è del tutto indifferente, ma le determinazioni fluttuanti non lo sono meno… Continue reading Deleuze – Il lampo e il cielo buio

Florenskij – Segni celesti

Usciamo in un luogo aperto, meglio ancora se all'alba, o comunque quando il sole è prossimo all'orizzonte, e osserviamo la distribuzione reciproca dei colori. Dritto contro al sole – viola, lilla e soprattutto azzurro; lateralmente al sole – rosa o rosso, arancio. Sopra la nostra testa – un trasparente verde smeraldo. Rendiamoci conto di ciò… Continue reading Florenskij – Segni celesti

La Specie che s’innamora

Avevo creduto fino alla sera prima di amarla. Ma si vede che ci mette poco l'Immaginazione a creare mostri – anche nei cuori dei più fedeli d'Amore, se la mattina dopo non ho saputo più stringere il freno alla Potenza della sua (non me ne farò mai una colpa!) perversa smania che mi ordinava di… Continue reading La Specie che s’innamora

Lévi-Strauss – La perversità dell’arcobaleno

I miti che concernono l'arcobaleno, associano questo fenomeno meteorologico ora all'origine del veleno da pesca e delle malattie, ora a quella del colore degli uccelli. Ma, a seconda del tipo di correlazione adottato, l'arcobaleno non interviene nello stesso modo: è agente, o viceversa oggetto passivo di un'azione che si esercita su di esso. È in… Continue reading Lévi-Strauss – La perversità dell’arcobaleno

Lévi-Strauss – L’arcobaleno, il veleno e le malattie

Nel Sudamerica l'arcobaleno possiede un duplice significato. Da un lato esso annuncia, come fa altrove, la fine della pioggia; dall'altro, è ritenuto responsabile delle malattie e di vari cataclismi naturali. Sotto il primo aspetto l'arcobaleno opera la disgiunzione del cielo e della terra, precedentemente uniti per il tramite della pioggia. Sotto il secondo aspetto, esso… Continue reading Lévi-Strauss – L’arcobaleno, il veleno e le malattie

Una notte senza stelle

… a Enzo perché, morto e buono, abbia ancora un po' di pazienza con me (giusto il tempo di salutarlo come si deve) È nei termini di un (tragico) conflitto «musicale» che Ovidio ricostruisce il trapasso da Orfeo a Dioniso: perciò, se volevamo sapere perché la «tragedia» fa tutt'uno con Dioniso, se non bastasse Euripide… Continue reading Una notte senza stelle