Colli – La ragnatela espressiva

Come l'umore bavoso di un ragno nascosto, una vischiosità trasudante dalle espressioni sorgive, ecco l'indistinta rappresentazione in quanto nesso, la quale si affina poi come categoria, acquietata nella parola, divenuta filo e tela che si avvolgono ovunque, sino ad appendersi al principio supremo del mondo come astrazione, al vertice contrapposto all'immediatezza. Con categorie non intendiamo… Continue reading Colli – La ragnatela espressiva

Heidegger – Il mito è l’erede dell’oblio

All'inizio del libro VII del dialogo sulla πόλις [la Repubblica], Platone parla, e precisamente nella forma di un μῦθος, della ἀλήθεια. Questo «mito» è noto come il «paragone» platonico della «caverna», a cui si è attribuita una quantità di significati, ma mai quello più semplice ed evidente. Come dice il titolo, in questo «paragone» si… Continue reading Heidegger – Il mito è l’erede dell’oblio

Foucault – L’Origine e il tempo dell’uomo

L'uomo non si scopre, se non legato a una storicità già formata: non è mai contemporaneo dell'origine – la quale, attraverso il tempo delle cose, gli si delinea sfuggendo; quando tenta di definirsi come essere vivente, l'uomo non scopre il proprio inizio che sullo sfondo d'una vita per suo conto iniziata assai prima di lui;… Continue reading Foucault – L’Origine e il tempo dell’uomo

Lacan – Natura e Cultura

C'è ancora qualcuno che ha una questione? O. MANNONI: – Mi ha interessato la maniera in cui Lévi-Strauss [nel dibattito di ieri sera] affrontava il problema di natura e cultura. Diceva che da un po' di tempo non si vedeva più chiaramente l'opposizione tra natura e cultura. Gli interventi che ci sono stati continuavano a… Continue reading Lacan – Natura e Cultura

Aiguesmortes – Non è tamburo né sposa

Tamburo o donna? Dipende. La Siberia o la Nubia? A ogni giro di giostra, tutt'e due, a turno. Tamburo e donna una volta, donna e tamburo un'altra. Sicché: quando c'era una volta (bisogno di) un tamburo, il padre siberiano disse al figlio: su, non perdere tempo, va' a prenderlo, ma – mi raccomando – che… Continue reading Aiguesmortes – Non è tamburo né sposa

Ceccardino – L’erotismo poetico

Amore è poeta così sapiente che sa fare di chiunque altro un poeta: diviene dunque poeta, anche se prima non aveva nessuna musa, chiunque purché sia toccato da Amore. (Platone, Simposio, 196e) Amore è, dunque, un poeta «contagioso»: ti tocca appena, ed ecco da lungi venire a te la Musa (si chiama così perché non… Continue reading Ceccardino – L’erotismo poetico

Né voce né parola

Perché nei tuoi sermoni non s'ode né voce né parola? Voce e parola son la legge della vostra città … provengono dalla provincia di Ignoranza, da sempre sono estranee al vertice di Conoscenza (Sanâ'î) Che lingua è mai questa, che non è fatta di suoni e di parole? una lingua inudibile? una lingua inaudita? Muto… Continue reading Né voce né parola