Dopo l’amplesso

Dopo l'amplesso, è detto, Enkidu «non aveva più forze». Non era più la Forza [della Natura Selvatica] che era stato fino a un attimo prima d'essere «sedotto». Non era più l'uomo dei boschi. Non era più il compagno delle bestie selvatiche, ma in compenso aveva ricevuto in dono dalla donna «metà della sua veste». Abbiamo… Continua a leggere Dopo l’amplesso

Una sola terapia per Gilgameš ed Enkidu

Gilgameš, si racconta, era sovrano di Uruk. Amato e riverito all'inizio, divenne poi insopportabile alla sua gente, perché «non permetteva alla fanciulla di giacere con lo sposo». Le fanciulle, Gilgameš le voleva tutte per sé. Gilgameš compare dunque sulla scena nei panni del seduttore incallito, del maschio incapace di frenare i suoi bollori e di… Continua a leggere Una sola terapia per Gilgameš ed Enkidu

Epopea di Gilgameš (02) – Creazione e seduzione di Enkidu

I giovani di Uruk erano angustiati e si affliggevano: «Gilgameš non permette che il figlio stia col padre», dicevano. «Giorno e notte ci opprime», si lamentavano. «Egli è il pastore di Uruk, il potente, il superbo, che ogni cosa conosce per averne fatto esperienza, e tuttavia non permette alla fanciulla di giacere col suo sposo».… Continua a leggere Epopea di Gilgameš (02) – Creazione e seduzione di Enkidu