A monte dei Segni e delle Parole

È un corteggiatore accanito, il nostro caro Soslan. Perfino nell'aldilà non si toglie il vizio di allungare le mani. Vede gli impiccati, e che fa? guarda e passa. Vede gli impantanati nella merda, e senza chiedere troppe scuse guarda e passa. Dice che non è in suo potere, che non è gli possibile laggiù dare… Continue reading A monte dei Segni e delle Parole

Aiguesmortes – Futuro d’amore

C'è una strana leggenda intorno all'albero della vita. Si narra che mille anni dopo il peccato dei primi genitori, Dio lo trapiantò nell'orto di Abramo, e che una figlia di Abramo ingravidò respirando il profumo dei fiori di quell'albero, e diede alla luce un fanciullo che si chiamò poi Fanuele; e che costui, avendo forbito… Continue reading Aiguesmortes – Futuro d’amore

Graves – Icario e sua figlia Erigone

Benché Eneo fosse il primo mortale cui Dioniso donò una pianta di vite, Icario lo precedette nell'arte di fare il vino. Egli offrì una giara del suo prodotto a un gruppo di pastori nei boschi di Maratona presso il monte Pentelico, e codesti pastori, trascurando di tagliare il vino con l'acqua, come Enopione consigliò più… Continue reading Graves – Icario e sua figlia Erigone

Edda – Óðinn l’Appeso

Tutto io so, Óðinn, dove hai nascosto il tuo occhio, nella fonte famosa di Mímir; Mímir beve il met ogni giorno sul pegno di Valföðr. Che altro si vuol sapere? (Völuspá, 28) ** Lo so che sono stato appeso all'albero battuto dal vento nove intere notti, da una lancia ferito e sacrificato a Óðinn, io… Continue reading Edda – Óðinn l’Appeso