A proposito dell’uncino

Amleto usava sedersi presso il fuoco e, raccogliendo insieme le braci con le mani, foggiare dei legni adunchi, indurirli nel fuoco e formarvi alle due estremità certi uncini per farli aderire più saldamenti ai loro attacchi. (Saxo Grammaticus) Insomma, Amleto stava affilando le armi della vendetta? O vedeva dinanzi a sé solo il futuro di… Continua a leggere A proposito dell’uncino

Hillman – Il cappio di Ananke

Nella sua ricca monografia, Heinz Schreckenberg passa in rassegna tutte le etimologie e i contesti proposti per Ananke, giungendo alla conclusione che in Omero la parola è mutuata da una probabile radice semitica chananke, basata sulle tre consonanti hnk. I reperti di Schreckenberg possono essere schematizzati come segue: antico egizio: hnk = angusto antico egizio:… Continua a leggere Hillman – Il cappio di Ananke

Platone – La visione di Er e il fuso di Ananke

Er, figlio di Armenio, di schiatta panfilia era morto in guerra e quando, dieci giorni dopo, si raccolsero i cadaveri già putrefatti, venne raccolto ancora incorrotto. Portato a casa, nel dodicesimo giorno stava per essere sepolto. Già era deposto sulla pira quando risuscitò e, risuscitato, prese a raccontare ciò che aveva visto nell'aldilà. Ed ecco… Continua a leggere Platone – La visione di Er e il fuso di Ananke