Platone – Il Bestione Sociale

Ciascuno di questi professori che danno lezioni private a pagamento, e che costoro chiamano sofisti e considerano loro rivali, non educa (παιδεύειν) ad altro che [a conformarsi] alle credenze della moltitudine (δόγματα τῶν πολλῶν) – credenze che si formano nelle [pubbliche] adunanze – e questa lui la chiama sapienza (σοφία). Somiglia il suo caso a… Continue reading Platone – Il Bestione Sociale

Weil – Il narciso suscitato

Ade o Aidoneo, nome che vuol dire Invisibile, o Eterno, o le due cose insieme, è presentato ora come fratello di Zeus, ora come Zeus stesso; poiché c'è uno Zeus sotterraneo. Il nome di Demetra vuol dire, molto probabilmente, Terra madre, e Demetra è identica a tutte quelle dee madri di cui di solito il… Continue reading Weil – Il narciso suscitato

Weil – L’abuso della forza

Il vero eroe, il vero argomento, il centro dell'Iliade, è la forza. La forza adoperata dagli uomini, la forza che piega gli uomini, la forza dinanzi alla quale si ritrae la carne degli uomini. L'anima umana vi appare continuamente modificata dai suoi rapporti con la forza: travolta, accecata dalla forza di cui crede disporre, si… Continue reading Weil – L’abuso della forza

Weil – La fiaba del duca di Norvegia

(Questa fiaba scozzese si ritrova nel folklore russo, tedesco, ecc.) Un principe (chiamato qui «duke o' Norroway») ha, di giorno, forma animale e, soltanto di notte, forma umana. Una principessa lo sposa. Una notte, stanca di quella situazione, ella distrugge la spoglia animale di suo marito. Ma allora egli scompare. Dovrà cercarlo. Lo cerca senza… Continue reading Weil – La fiaba del duca di Norvegia

Weil – Il mio primo «contatto» mistico

Fu un giovane inglese cattolico, che si trovava a Solesmes, a darmi per la prima volta l'idea di una virtù soprannaturale dei sacramenti, con lo splendore veramente angelico di cui pareva rivestito dopo essersi comunicato. Il caso – preferisco sempre dire caso anziché Provvidenza – fece di lui, per me, un vero messaggero: perché mi… Continue reading Weil – Il mio primo «contatto» mistico

Una terapia a «viziare il vizioso»

Una tradizione buddista narra che Buddha ha promesso di far salire al cielo al suo fianco chiunque ripeta il suo nome col desiderio di essere salvato. Su questa tradizione si fonda la pia pratica detta «La recitazione del nome del Signore». Essa consiste nel ripetere un certo numero di volte qualche sillaba sanscrita, cinese o… Continue reading Una terapia a «viziare il vizioso»