Corbin – L’uomo e la mediazione dell’Angelo

A dominare il pensiero dei Sabei di Harrân è il Deus innominatus, il «Signore dei Signori» come erano soliti chiamarlo, «Colui che neanche il pensiero più ardito può raggiungere». Egli è, infatti, di tale trascendenza che non può né farsi conoscere né essere conosciuto direttamente. Gli esseri che ne mediano la conoscenza sono, per i… Continue reading Corbin – L’uomo e la mediazione dell’Angelo

Corbin – Il Paese del non-dove

… questi nobili Signori, da dove si sono degnati di venire? Il Sapiente mi rispose: «Veniamo tutti dal Paese del non-dove». (Sohrawardî, Il fruscio dell'ala di Gabriele) Sohrawardî ha coniato in persiano il termine di Nâ-kojâ-âbâd, letteralmente il «Paese del non-dove»: non-dove, certo, vale a dire fuori dal luogo fisico determinabile mediante le coordinate dello… Continue reading Corbin – Il Paese del non-dove

Corbin – Quando l’uomo fu umano

Nel lungo frammento (352 versi) di un poema rimasto incompiuto, «I segreti», Goethe ci presenta un viaggiatore, un adolescente, che designa come Fratello Marco, mentre cammina dopo una lunga giornata di marcia che l'ha condotto in una valle d'alta montagna. È alla ricerca di un tetto ospitale per la notte. Salendo di roccia in roccia, dopo… Continue reading Corbin – Quando l’uomo fu umano

Corbin – Le Forme immaginali

Nella topografia immaginale i «luoghi» dell'essere si scaglionano in una serie di universi che alla fine terminano tutti in scala discendente sulla nostra Terra terrestre. Questa nostra Terra è, dunque, come la «tomba» a cui essi sono stati affidati. È da questa «tomba» che essi devono riemergere e risuscitare. Tale resurrezione però non è concepibile… Continue reading Corbin – Le Forme immaginali

Corbin – L’ottavo clima e le sue città

Lo storico Tabarî (IX secolo) ci ha conservato alcune informazioni, le più antiche di cui disponiamo, riguardanti una regione misteriosa che la sua descrizione permette di denominare «la Terra dalle città di smeraldo». Là sono situate due città: Jâbarsâ e Jâbalqâ, a cui certe tradizioni aggiungono una terza città, Hûrqalyâ; questa dà allora il suo… Continue reading Corbin – L’ottavo clima e le sue città

Corbin – L’idea ermetica di Natura Perfetta

La tradizione ermetica in lingua araba ci insegna che la Natura Perfetta è il compagno celeste e la Guida di luce del Saggio. Per comprenderne il ruolo e la manifestazione, è necessario ricostruire l'antropologia con cui essa è solidale, un'antropologia il cui eroe è «l'uomo di luce» che, schiavo delle tenebre, se ne libera. L'intera… Continue reading Corbin – L’idea ermetica di Natura Perfetta

Corbin – Il paradiso di Yima

Il termine avestico Airyanem vaêjah (in pahlavi Erân-Vêj) designa il luogo d'origine, la culla degli Ario-iranici al centro del keshvar (orbis, zona) centrale. Ogni tentativo di reperirne la posizione sulle nostre carte geografiche si è imbattuto in grandi difficoltà, e non è giunto ad alcuna soluzione convincente per il semplice motivo che il problema di… Continue reading Corbin – Il paradiso di Yima