Artaud – Lo scisma d’Irshu

Fabre d'Olivet, nella Historie philosophique du genre humain, parla lungamente di una primitiva separazione d'essenze, che bisogna intendere insieme sul piano divino e sul piano umano – la seconda azione [quella umana] non essendo che il riflesso e, per così dire, il contraccolpo storico dell'altra: l'azione celeste che, all'origine di tutto, non mette in gioco… Continue reading Artaud – Lo scisma d’Irshu

Farîdoddîn ‘Attâr – L’ago di Majnûn

Un giorno Majnûn trovò un momento opportuno per sedere accanto a Laylâ. Questa gli chiese: «O innamorato, mostrami quello che hai». Majnûn rispose: «Mia luna, a causa del tuo amore non mi è rimasta né l'acqua né il pozzo. Non ho più umori nel corpo e i miei occhi non conoscono più il sonno notturno.… Continue reading Farîdoddîn ‘Attâr – L’ago di Majnûn

Mahmûd Darwîsh – L’ultima sera

Nell'ultima sera passata in questa terra ci separiamo dai giorni. Staccate dai loro rami contiamo le foglie che portiamo via e quelle che lasciamo. Là. Nell'ultima sera diremo addio al nulla, né troveremo il tempo della nostra fine frugando nei vecchi ricordi. D'un tratto, eccoci incapaci di fare ironia poiché il posto è pronto ad… Continue reading Mahmûd Darwîsh – L’ultima sera

Mahmûd Darwîsh – Viaggiamo come gli altri

Viaggiamo come gli altri, ma noi torniamo verso il nulla... come se il viaggio fosse una strada di nuvole. Sepolti i nostri cari tra rami d'albero, all'ombra delle nuvole. Alle donne dicemmo: partorite cent'anni per fare questo viaggio di un'ora fino a un paese a un metro dall'impossibile. Partiamo nella cassa del flauto, dormiamo nelle… Continue reading Mahmûd Darwîsh – Viaggiamo come gli altri

Eliot – Agli Indiani che morirono in Africa

La destinazione di un uomo non è il suo villaggio, il suo fuoco, e la cena cucinata dalla moglie; sedere davanti alla porta del tramonto e vedere il nipote e gli amici del nipote giocare insieme nella polvere. Sfregiato ma al sicuro, molti ricordi gli ritornano nell'ora della conversazione (l'ora calda o fresca, a seconda… Continue reading Eliot – Agli Indiani che morirono in Africa

Bene – L’assenza della Madonna

Ma torniamo un attimo alla donna. Fu proprio a Genova che iniziò il mio calvario di Don Giovanni. Da allora in poi l'assenza della Madonna che era in me, e in che ormai consistevo, meritò tutta la prassi fin troppo ossessiva della presenza della donna nella mia vita e sulla scena. Essere Don Giovanni per… Continue reading Bene – L’assenza della Madonna

Abd al Wahhab al Bayati – Autobiografia del ladro di fuoco

La lingua poneva sulla testa calva una parrucca d'eloquenti iperboli indossando assonanze e dissonanze nei padiglioni reali dell'era cosmica – le navicelle spaziali – le rivoluzioni. Nelle capitali orientali i poeti accattoni – eunuchi in gabbia strisciavano sul ventre proni i pidocchi – il muschio proliferava nelle loro poesie, e nelle loro torri i poeti… Continue reading Abd al Wahhab al Bayati – Autobiografia del ladro di fuoco