Nâzik al-Malâ’ika – Canto d’amore per le parole

Perché abbiamo paura delle parole quando sono state mani dal palmo rosa delicate quando ci accarezzano gentilmente le gote e calici di vino rincuorante sorseggiato, un'estate, da labbra assetate? Perché abbiamo paura delle parole quando tra di loro vi sono parole simili a campane invisibili, la cui eco preannuncia nelle nostre vite agitate la venuta… Continue reading Nâzik al-Malâ’ika – Canto d’amore per le parole

Nâzik al-Malâ’ika – Ti abbiamo incoronato

Che ci siano uomini che non avvertono mai alcuna angoscia, lo si deve comprendere pensando che neppure Adamo l'avrebbe sentita se egli fosse stato un animale. (Kierkegaard, Il concetto dell'angoscia) Ti abbiamo incoronato divinità nel sonno dell'alba e sul tuo argenteo altare ci siamo imbrattati la fronte oh nostro amore, o dolore bruciato abbiamo l'incenso… Continue reading Nâzik al-Malâ’ika – Ti abbiamo incoronato

Mehdi Akhavân Sâles – Palude

Questa non è l'acqua che spegne il fuoco. Dico a te, svergognata gitana dal colletto strappato! Annaffio il campo di nostalgia della mia mente con quell'amaro diafano estasiante quel puro figlio della vite, focoso. Nel silenzio immerso come una donna nuda nel letto della propria resa, morta o dormiente, senza allargar sorriso o stringer broncio,… Continue reading Mehdi Akhavân Sâles – Palude

Hölderlin – Il giovane ai saggi consiglieri

Dovrei quietarmi? Avvincere l'amore che anela ardendo a più alte bellezze? cantare un canto di cigno alla tomba in cui con gioia ci chiudete vivi? Risparmiatemi. L'onda della vita avanza onnipotente, inevitabile, impaziente, forzando il letto angusto, per aver pace dove nacque, in mare. La vigna spregia il fresco della valle, e i giardini felici… Continue reading Hölderlin – Il giovane ai saggi consiglieri