Deleuze – Il punto in cui sono privato del potere di dire io

C'è un autore che parecchi di voi conoscono molto bene. Ha scritto un breve testo che per me condensa l'insieme del suo pensiero e che mi tocca in modo particolare prima ancora che capisca perché. È Maurice Blanchot. In uno dei suoi libri, La parte del fuoco (un testo su Kafka), scrive questo a proposito… Continue reading Deleuze – Il punto in cui sono privato del potere di dire io

Baudrillard – Il delitto originale

Se non vi fossero le apparenze, il mondo sarebbe un delitto perfetto, ovvero senza delinquente, senza vittima e senza movente. Un delitto la cui verità si sarebbe ritirata per sempre e il cui segreto non sarebbe mai scoperto, per mancanza di tracce. Ma, per l'appunto, il delitto non è mai perfetto, poiché il mondo si… Continue reading Baudrillard – Il delitto originale

Sacks – Il caso del piccolo Joseph

Rispondi a questo: se non avessimo né voce né lingua e volessimo rendere chiare vicendevolmente le cose, non tenteremmo, come fanno ora i muti, di manifestarle con le mani, la testa, e con tutto il resto del corpo? (Platone, Cratilo, 422d) Il mio interesse per i sordi – per la loro storia, la drammaticità della… Continue reading Sacks – Il caso del piccolo Joseph

Omero – Le voci delle Sirene

Alle Sirene prima verrai, che gli uomini stregano tutti, chi le avvicina. Chi ignaro approda e ascolta la voce delle Sirene, mai più la sposa e i piccoli figli, tornato a casa, festosi l'attorniano, ma le Sirene col canto armonioso lo stregano, sedute sul prato: pullula in giro la riva di scheletri umani marcenti: sull'ossa… Continue reading Omero – Le voci delle Sirene

Buzzati – Sciopero dei telefoni

Il giorno che ci fu lo sciopero, si lamentarono nel servizio dei telefoni irregolarità e stranezze. Fra l'altro, le singole comunicazioni non erano isolate e spesso si intrecciavano, cosicché si udivano i dialoghi degli altri e vi si poteva intervenire. Alla sera, verso le dieci meno un quarto, cercai di telefonare a un amico. Ma… Continue reading Buzzati – Sciopero dei telefoni

Zambrano – Idee e credenze

… vogliamo, per dirla alla maniera dei poeti, «custodire il sogno»... eppure basterebbe solo un po' di coraggio per custodire non il sogno, bensì le sue stesse sorgenti, per vedere cosa ci rimane, quando ormai non ci rimane più nulla. L'inquietudine ci dispone a ciò che di solito teniamo nascosto sotto di essa: quel nucleo… Continue reading Zambrano – Idee e credenze