Apocrifi – Il bastone e la colomba

Giotto-sposalizio-Vergine
Giotto – Lo sposalizio della Vergine

Quello la cui verga avrebbe germinato un fiore e sulla sua cima sarebbe disceso lo spirito del Signore sotto forma di colomba, sarebbe stato il prescelto a cui affidare la vergine e al quale doveva sposarsi…
Giuseppe portò la sua verga, e sulla cima si posò una colomba discesa dal cielo.

(Vangelo sulla nascita di Maria, 7: 4 e 8: 1).

***

Giuseppe prese l’ultimo bastone: ed ecco che una colomba uscì dal suo bastone e volò sul capo di Giuseppe.

(Protovangelo di Giacomo, 9: 1)

***

Ultimo di tutti, Giuseppe si avvicinò, prese il suo bastone e apparve il segno: ecco una colomba bellissima, più candida della neve, uscire dal bastone di Giuseppe e posarsi sul suo capo.

(Dell’infanzia del Salvatore, codice Arundel 404, 28)

***

Quando Giuseppe ricevette l’ultimo bastone dalla mano del sacerdote ecco che una colomba candida come la neve uscì da quel bastone e si posò sul suo capo.

(Dell’infanzia del Salvatore, cod. Hereford 0.3.9, 28)

***

Raffaello-sposalizio-Vergine
Raffaello – Lo sposalizio della Vergine

Apparve l’Angelo del Signore e disse: «C’è qui una verga piccolissima, della quale tu non hai fatto caso alcuno, l’hai messa con le altre, ma non l’hai tirata fuori con esse. Quando l’avrai tirata fuori e data a colui al quale appartiene, in essa si avvererà il segno del quale ti ho parlato».

Quella era la verga di Giuseppe il quale, essendo vecchio, era avvilito per non poterla prendere e perciò neppure lui volle ricercare la sua verga.

Mentre se ne stava umile e ultimo, il pontefice con voce chiara gli gridò: «Giuseppe, vieni e prendi la tua verga; tu infatti sei atteso».
Giuseppe si accostò, spaventato che il sommo sacerdote lo chiamasse con eccessivo clamore.

Non appena tese la mano e ricevette la sua verga, dalla cima uscì fuori una colomba più bianca della neve e straordinariamente bella: volando a lungo per le sommità del tempio, si lanciò verso il cielo.

(Vangelo dello Pseudo Matteo, 8: 3)