Shakespeare – Lo scapolo

Shakespeare-paint

Guardati allo specchio e di’ al volto che vedi
che è ora di crearne un altro;
e se tu non lo rinnovi, defraudi il mondo
e una possibile madre della sua gioia.
Quale donna gentile l’inviolato grembo rifiuterebbe
al vomere della tua virilità?
E quale uomo sarebbe così insensato da diventare tomba
del suo egoismo negandosi una progenie?
Tu sei lo specchio di tua madre, e lei in te
richiama il leggiadro aprile dei suoi anni;
così, dalle finestre della tua spesa età,
pur con le rughe, possa tu rivivere questo tuo tempo d’oro.
Ma se intendi vivere per essere dimenticato,
muori pure singolo: la tua immagine morirà con te.
(Shakespeare, Sonetti)